Carabiniere ubriaco e drogato investe e uccide anziano

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Carabiniere ubriaco e drogato investe e uccide anziano

Un carabiniere 47enne, fuori servizio al momento dell’incidente, ha investito con la sua moto, risultata senza assicurazione, un pensionato che è morto poco dopo in ospedale. Dalle analisi del sangue, l’agente è risultato con un tasso alcolemico superiore a tre e positivo alla cocaina

SAVONA – Lo scontro frontale, tremendo. Nicolino Squillaci, 78enne di Savona, resta a terra sull’asfalto colpito dalla moto, senza assicurazione, di Fulvio B., un carabiniere 47enne. Il pensionato, che stava attraversando lontano dalle strisce in via Boselli, viene immediatamente trasportato al pronto soccorso, ma per lui non c’è niente da fare. Muore sabato sera dopo cinque ore di disperati tentativi da parte dei medici per salvargli la vita.

L’agente, fuori servizio al momento dell’incidente, dopo qualche momento di tensione, si rifiuta di sottoporsi all’alcoltest e viene accompagnato anche lui in ospedale dai carabinieri, con i testimoni presenti che protestano temendo un trattamento di favore.

 Al pronto soccorso l’uomo da ancora in escandescenza e viene calmato solo grazie all’intervento dei colleghi. I medici gli forniscono le cure necessarie e lo sottopongono agli esami del sangue. Esami, che nella giornata di domenica, hanno dato i loro risultati: il carabiniere è risultato positivo alla cocaina  e con un tasso alcolemico superiore a tre. 

Subito dopo l’incidente, Orlando Pilutti, comandante della compagnia dei Carabinieri di Savona, a “Il Vostro Giornale”, aveva chiarito: “Non vogliamo che ci siano equivoci. Abbiamo bisogno che le indagini siano complete e corrette per capire la dinamica dei fatti e le responsabilità del militare. Se ciò che si è detto dovesse essere corretto – aveva concluso – prenderemo i provvedimenti del caso, dal momento che si tratterebbe di comportamenti assolutamente condannabili e per nulla conciliabili con l’essere un carabiniere”.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*